Crea sito

Thailand for dummies: apnea a Koh Tao, squali, pesci balestra e thriller

In: In acqua

20 Dic 2017

Cinque motivi per visitare una splendida e molto affollata isola thailandese, cinque per starsene a casa, e cosa aspettarsi dall’apnea a Koh Tao.

Koh Tao?

Apnea a Koh Tao: dove si trova l'isola

Koh Tao e Thailandia: mappa By Globe-trotter

Si tratta di una piccola isola dell’arcipelago di Mu Ko Samui, nel Golfo di Thailandia.  Nello stesso arcipelago si trovano la più grande Koh Samui e Koh Phangan, famosa per gli sfrenati full moon parties. Koh Tao è celebre invece, principalmente, per le spiagge da sogno, la rigogliosa fauna e flora tropicale, il costo ridotto della vita, l’affollamento di turisti… e da qualche anno per una serie di morti sospette di occidentali.

Partire o starsene a casa?

1 +: Le spiagge da sogno

L’isola può davvero sembrare un paradiso terrestre, specialmente nei suoi angoli più nascosti. Parzialmente coperta dalla foresta tropicale, offre baie rocciose, lunghe spiagge di sabbia e altre splendide opzioni.

1 -: Le spiagge da sogno

Quelle più attrezzate (vedi Sairee Beach) sono trafficatissime, a volte sporche e possono deludere assai, specie in una giornata di acqua torbida (la visibilità sott’acqua, comunque, non è eccezionale, generalmente dai 10 ai 20 mt.). Alcune spiagge sono poi a ingresso limitato e a pagamento.

2 +: La rigogliosa fauna e flora tropicale

La parte interna dell’isola è coperta da una rigogliosa vegetazione tropicale, con sentieri e angoli suggestivi. Sott’acqua, poi, ci si può imbattere in squali (+ o – innocui), pesci balestra, razze, tartarughe e molto altro. Anche la barriera corallina offre tratti molto suggestivi, specialmente nella zona ovest dell’isola.

2 + bis. Un capitolo a parte è quello degli squali balena, che in quest’area del Sud-Est asiatico sono particolarmente comuni: per chi vuole avere un incontro ravvicinato con questi maestosi, e innocui, giganti del mare Koh Tao è sicuramente un’ottima scelta.

Squali balena, comuni a Koh Tao

Una buona ragione per fare apnea a Koh Tao…

2 -: La rigogliosa fauna e flora tropicale

Per quanto riguarda la foresta, molte strade sono in cattive condizioni, e si circola più che altro in scooter (anche con discreto rischio viste le pendenze); a piedi si può mangiare parecchia polvere. Per quanto riguarda il mare, l’intenso sfruttamento turistico ha compromesso in parte l’ambiente sottomarino, specie la copertura corallina. Per quanto riguarda la fauna subacquea, infine, gli squali sono principalmente del tipo “da barriera” e vi ignoreranno se non li stuzzicate, mentre è bene diffidare dei pesci balestra. Molto belli da osservare a distanza, possono rivelarsi infatti parecchio aggressivi!

3 +: il costo ridotto della vita

Per un europeo i prezzi sono decisamente abbordabili, e un piatto del tipico pad thai può costare meno di 2 euri.

Pad Thai in Thailandia

Oltre l’apnea a Koh Tao: street food e molto altro...

Anche per affitti, annessi e connessi, cercando un po’ si trovano prezzi più che buoni. Per i corsi sub o apnea si trovano pacchetti tutto incluso, corso + sistemazione, davvero convenienti.

3 -: il costo ridotto della vita

Più cresce la domanda, più cambia l’offerta, e oggi Koh Tao è sicuramente meno abbordabile di 5-10 anni fa. Inoltre, a parità di prezzo è diminuita in alcuni casi la qualità dell’offerta.

4 +: L’affollamento di turisti

Koh Nang Yuan e Koh Tao

Koh Nang Yuan o la Riviera romagnola?

Vere e proprie colonie di spagnoli, inglesi e australiani passano qui le loro vacanze. Imparare il thai non è fondamentale, anzi, ci sono resort e diving “in lingua” (spagnolo, russo, non risulta invece l’italiano) e quindi c’è caso che non si debba neanche mai passare per l’inglese. La ‘presenza di turisti perlopiù giovani rende poi l’isola molto vivace per quanto riguarda vita notturna ecc.

4 -. L’affollamento di turisti

…quindi frizzi lazzi e schiamazzi anche quando non servirebbero e una generale tendenza allo sfruttamento intensivo delle risorse. Corsi  standardizzati, massificazione dell’offerta (vedi le gite in barca verso gli isolotti vicini) e un carico di persone che potrebbe rovinare per sempre il delicato equilibrio dell’isola.

5+: Le morti sospette di occidentali

Beh, questo è difficilmente un motivo per visitare l’isola. Di tutto il parlare che si è fatto (anche in Italia) dei casi in questione, resta comunque da dire che non ci sono vere evidenze a supportare la tesi dell'”isola della morte” che resta, fino a prova contraria, allo stato di supposizione.

5 -: Le morti sospette di occidentali

La copiosa affluenza di turisti perlopiù giovani rende fisiologico un aumento della criminalità. Detto naturalmente senza entrare nel dettaglio della tesi “isola della morte” di cui sopra. Chi scrive non ha mai comunque avuto la sensazione di essere in pericolo di aggressione, furto o altro sull’isola. C’è anche da dire che chi segue un corso di apnea ha generalmente ritmi e abitudini diverse dal turista medio (ma forse anche da uno scuba diver) e, per dire, difficilmente può permettersi di fare baldoria fino a tardi la sera.

Conclusione: Cosa aspettarsi da un giro in apnea a Koh Tao

In conclusione, i fondali e l’isola stessa valgono una trasferta così impegnativa? Per chi scrive sì: il posto è oggettivamente magnifico, ci sono diverse scuole qualificate per fare corsi, allenamenti mirati o semplici escursioni, e la fauna sottomarina merita un incontro. La visibilità, è vero, non è quella sbalorditiva di altri luoghi, e le profondità non sono troppo impegnative (difficile arrivare ai 40 metri se si rimane intorno all’isola), ma ci sono comunque molti siti eccellenti. Nei mesi da marzo a maggio, poi, le possibilità di incontrare squali balena sono più alte e questo aggiunge molto fascino a un tuffo sott’acqua. In generale, ce n’è d’avanzo per restare soddisfatti: insomma, un viaggio e un’esperienza da provare.

 

N.B.: Altre guide for dummies qui e qui.

Comments are closed.